Niente muore mai. Il Vietnam e la memoria della guerra

The Italian edition of Nothing Ever Dies: Vietnam and the Memory of War by Viet Thanh Nguyen is now available on Amazon. 

«Se l’anima dell’America morirà avvelenata, sul referto dell’autopsia dovrà esserci scritto “Vietnam”». Non c’è forse spiegazione più concisa di questa frase di Martin Luther King per comprendere che cosa abbia significato per gli americani la Guerra del Vietnam. Una guerra persa e, dunque, una guerra cattiva che ha continuato a lungo a fare male e a essere sottoposta a un costante processo di guarigione e di recupero. Processo cui hanno contribuito in una misura a dir poco decisiva l’industria cinematografica, dell’editoria e delle belle arti, grazie alle quali gli Stati Uniti, perdenti nel conflitto, si sono rivelati vittoriosi nella memoria. Quell’insieme di sanguinose battaglie che hanno causato un numero impressionante di morti in Vietnam, in Cambogia e nel Laos, e che i vietnamiti chiamano Guerra Americana, è diventato cosi il teatro di una tragedia occidentale denominata «Guerra del Vietnam», un nome divenuto a tal punto normale che, anche se abbreviato in «Vietnam», come spesso accade, è sottinteso che si riferisca al conflitto. Questo libro è un’opera su quella guerra in quanto opera sulla memoria e sull’identità. Prende le mosse dall’idea che «tutte le guerre vengano combattute due volte, la prima sul campo di battaglia, la seconda nei ricordi». Un’asserzione certo valida per tutti i conflitti, ma in una misura maggiore per la «Guerra del Vietnam» o per la «Guerra Americana», il cui nome contrastato ne indica la crisi di identità e rivela l’incertezza su come debba essere conosciuta e ricordata.

Category: News

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

One Response to Niente muore mai. Il Vietnam e la memoria della guerra

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

 

 

%d bloggers like this: